Autentico laboratorio orafo della tradizione milanese

Il Laboratorio orafo-artigianale Meda è un contesto spazio-temporale molto particolare, forse unico.
Il tempo sembra quasi essersi fermato ma lo vedi anche correre, qua e là in alcuni dettagli, attraverso i decenni del secolo scorso fino ad arrivare improvvisamente ai giorni nostri.

Quadri e sculture si distinguono come attimi e scorci di inizio ‘900.
Si rincorrono elementi di design e forme di proto-design.
Preziosi libri e manuali tecnici di oreficeria, gemmologia, arte, architettura e disegno industriale ma anche testi di psicologia, scienza, salute e magia bianca.
Sul tavolo, la lente tipica di chi lavora con attenzione miscroscopica ai dettagli. Il fuso per misurare gli anelli. L’anelliera che ha rilevato e rivelato la misura esatta delle dita delle donne e degli uomini che, nei decenni, sono passate di qui.
Appoggiati sul ripiano del banchetto, ma sempre a portata di mano, alcune vecchie lime pesanti, le mille punte tutte diverse fra loro, il martelletto di precisione usurato dai colpi, il calibro per calcolare al millimetro ogni nuovo spessore e il bulino per le incisioni più piccole.
In un angolo fa capolino…un timido e spaesato smartphone.

Visitare il laboratorio: un’esperienza artigianale

Girando per le stanze del Laboratorio sembra quasi di percepire, di fuori, il rumore di una Milano antica e nel pieno del suo sviluppo: elegante e laboriosa ieri come oggi.
Il tipico banchetto in legno segnato dall’usura. I ferri del mestiere consumati ma ancora utili.
Le mani sporche e infaticabili. I metalli preziosi pronti a prendere forma.
Alcuni pezzi grezzi da rifinire. L’odore di bruciato dopo aver fuso la materia.
I macchinari del nonno, sebbene ormai datati e totalmente manuali, sono efficaci ancora e riempiono di orgoglio.

Trascorrere del tempo qui è come se permettesse di imparare qualcosa di più su se stessi e sul mondo.
Un’esperienza vera. Per noi abituati a vivere e acquistare sul web, una rivoluzione.
La ri-evoluzione artigianale.

Artigiano orafo al banchetto incide a bulino un anello
Mario Meda incide a bulino uno dei suoi anelli

 

Giovane orafa lavora alla trafila del nonno di inzio '900
La giovane Miriam lavora alla trafila originaria di Nonno Dante di inizio ‘900

 

Giovane orafa intenta a lavorare al banchetto del padre e maestro
Miriam Meda lavora al banchetto di papà Mario

 

Giovane orafa al banchetto con seghetto
Miriam Meda rifinisce con il seghetto il pendente Farfalla

 

Artigiano orafo rifinitura anello con lima triangolare
Mario Meda rifinisce un anello con lima a sezione triangolare

 

Giovane orafa lavora al banchetto del padre
La giovane Miriam lavora al banchetto di papà Mario

 

Maestro orafo proporziona gli elementi di un girocollo artigianale
Papà Mario proporziona gli elementi di un girocollo artigianale